Il Massaggio tradizionale thailandese entra a far parte del patrimonio culturale immateriale dell’Umanità dell'UNESCO. Un riconoscimento più che meritato per una terapia millenaria tramandata da maestro ad allievo fino ai giorni nostri nel rispetto di rigide regole e di una precisa filosofia.

Il massaggio thailandese dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

Il Massaggio tradizionale thailandese (Nuad thai) entra a far parte del patrimonio culturale immateriale dell’Umanità dell’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura. Un riconoscimento più che meritato per una terapia millenaria tramandata da maestro ad allievo fino ai giorni nostri nel rispetto di rigide regole e di una precisa filosofia.


Il 13 dicembre 2019, con una cerimonia tenuta presso il Wat Pho, l’Università del massaggio thailandese (approfondisci qui nel nostro blog) il Direttore del dipartimento di Medicina Tradizionale e Alternativa Thailandese, insieme al Ministro della Cultura Thailandese e al direttore della Wat Pho Thai Traditional Massage School, hanno dato un annuncio più che meritato: il Massaggio tradizionale thailandese (Nuad Thai) entra a far parte del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità.

L’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, dal 2001, oltre alla salvaguardia di capolavori storico-artistici – la cui conservazione e sicurezza sono ritenuti importanti per la comunità mondiale, come Venezia e la sua laguna o il complesso del Macchu Picchu – si occupa anche di capolavori del patrimonio orale e immateriale dell’umanità come il Massaggio tradizionale Thailandese.
Il Nuad Thai, espressione nobile e antica di una tradizione millenaria che affonda le sue radici nella storia oltre che nella leggenda (approfondisci qui) ma anche nella cultura popolare e contadina, ne entra a far parte a pieno diritto. È un patrimonio culturale troppo importante e va assolutamente preservato.

Il video che segue, creato dal Dipartimento di Promozione Culturale del Ministero della Cultura Thailandese per la candidatura UNESCO, oltre alla dovuta citazione storica e ad alcune curiosità, è particolarmente dedicato all’aspetto terapeutico legato alla tradizione popolare e contadina.
Dopotutto, in un mondo rurale e isolato, chi avrebbe potuto alleviare con successo le fatiche – o i disturbi – di una giornata passata piegati sulla schiena a trapiantare piantine di riso o a raccogliere frutta sugli alberi?
Solo un esperto di medicina tradizionale, formato grazie agli insegnamenti di un maestro, l’unico in grado di insegnare e tramandare oralmente e con la pratica. Prima che alla Scuola del What Pho questi insegnamenti, che ancora oggi fanno da guida agli operatori di tutto il mondo, venissero codificati.

.

.

Nel massaggio tradizionale thailandese il rapporto tra allievo e maestro è molto stretto, anche perché per maestro si intende sempre l’intero lignaggio, non solo chi ha insegnato al singolo operatore.
Per questo prima di ogni massaggio – lo fanno anche i professionisti di My Thai – vengono ringraziati i maestri e viene augurato al destinatario di ottenere i  benefici che si aspetta. Esattamente come descritto nel video e senza interferenze da parte dell’operatore, che altro non è che un tramite tra le esigenze del paziente e la soluzione che il massaggio tradizionale thailandese può offrire.

Il rispetto della tradizione, degli insegnamenti di maestri qualificati e l’assenza di improvvisazione da parte degli operatori, sono aspetti fondamentali.
L’aspetto culturale è infatti talmente importante che probabilmente solo un operatore thailandese, che ha studiato nel paese dei sorrisi, che ha vissuto in quei luoghi, è in grado di comprendere al 100% la pratica del massaggio thailandese e eseguire un trattamento in maniera autentica.

Questo è ciò che preserva l’UNESCO: l’originalità di una pratica, una conoscenza o un’abilità e a considerarla parte del patrimonio culturale immateriale di un luogo, fosse anche a 9000 km di distanza.
È un po’ com’è per la pizza, la fanno in tutto il mondo, ma solo quella napoletana è dal 2017 patrimonio culturale immateriale. Quindi, anche se siamo a Helsinki, se ne vogliamo una originale, che almeno il pizzaiolo sia napoletano (per comprenderne appieno la cultura) e che abbia imparato a farla nella sua città (ricevendo un’eredità qualificata).
.

.

Il riconoscimento dell’UNESCO è importante per tutti gli operatori di massaggio tradizionale thailandese, ma è anche una grande responsabilità. Soprattutto per chi come noi ha deciso di proporre fuori dal proprio paese un’esperienza autentica. Appresa nelle scuole gestite dal Dipartimento di Medicina Tradizionale e Alternativa Thailandese o direttamente dal Wat Pho e a beneficio di chi non ha mai visitato il nostro paese o di chi lo ha fatto e vuole rivivere un’esperienza di massaggio identica.

Da oggi al Centro My Thai abbiamo un motivo in più per impegnarci a dare il massimo!

.

.My Thai Bologna, via Cesare Boldrini 10/C. Massaggio tradizionale tailandese, massaggio con olio, massaggio plantare. Thai traditional massage, oil massage, foot massage.

.
Vi aspettiamo in via Boldrini 10/C a Bologna, ogni giorno dalle 10 alle 20, sabato e domenica compresi, per offrirvi l’autentico massaggio tradizionale thailandese.

Per prenotazioni vi invitiamo a chiamare il 391 7655744.
Per maggiori informazioni sui trattamenti e sulla nostra filosofia, potete fare riferimento al nostro sito.


Fonti: Bangkok Post, ICH UNESCO, Ministry of Foreign Affairs of the Kingdom of Thailand

Immagine in apertura dal sito ICH UNESCO © Folk Medecine e Thai Health Network Association, 2017

Video tratto dal sito ICH UNESCO © Prodotto da Department of Cultural Promotion, Ministry of Culture, Thailand

Immagine dell’aula corsi dove sono stati formati i nostri operatori – o da sue emanazioni governative – dal sito del Wat Pho Thai Traditional Medical and Massage School di Bangkok.

1 Comment

  • […] È tutto vero. dal 13 dicembre 2019 il Massaggio tradizionale thailandese (Nuad thai) è entrato a far parte del patrimonio culturale immateriale dell’Umanità dell’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura. Un riconoscimento più che meritato per una terapia millenaria tramandata da maestro ad allievo fino ai giorni nostri nel rispetto di rigide regole e di una precisa filosofia. A noi di My Thai questo riconoscimento non può che far piacere perché rispettiamo completamente questa filosofia anche se siamo a più di 9000 km di distanza! [Se vuoi sapere di più su questo riconoscimento leggi qui] […]

Comments are closed.

My Thai di Duangdee Dawrat – P.IVA 03661811202 – C.F. DNGDRT84T57Z241C – Via Cesare Boldrini 10/C, 40121 Bologna – Tel. 391 7655744 – info@mythai.itPolicy